Venerdì, 28 Aprile 2017 10:06

Lastre eternit ed il silenzio del comune di Vibo Valentia

Ci teniamo a precisare come sono andate le cose in merito alle lastre di presunto eternit che si trovano a Vibo Valentia in Contrada Bitonto.

A ottobre 2016 segnaliamo telefonicamente il problema al comune di San Gregorio di Ippona che ci comunica la sua NON possibilità di intervenire a causa della mancanza di personale, precisamente l’unico Vigile Urbano era andato in pensione e non era stato sostituito.

Il 14 marzo 2017, dato il mancato intervento di chi di competenza, inviamo PEC al comune di Ionadi, al Comune di Vibo Valentia, alle rispettive polizie municipali, all’ASP e alla prefettura di Vibo Valentia indicando il luogo “lungo la strada comunale per S. Gregorio che collega le località Moderata Durant e Aeroporto”, allegando foto e chiedendo “l'intervento delle SS.VV. per i provvedimenti del caso onde eliminare ogni eventuale pericolo per la salute pubblica”.

Il 15 marzo 2017 riceviamo risposta dalla Polizia Municipale di Ionadi che ci comunica che la zona non ricade nel territorio del proprio comune.

Il 3 aprile 2017, l’Ufficio tecnico del comune di Ionadi, nella persona del responsabile Arch. Francesco La Bella, a seguito di una nota inviata all’ente dall’Azienda Sanitaria di Vibo Valentia in data 29/03/2017, comunica, sia a noi che all’ASP, che “il tratto di strada provinciale dove sono stati abbandonati i manufatti “eternit”, contenenti probabilmente amianto, ricade tra il Comune di Vibo Valentia e il Comune di San Gregorio d’Ippona”.

NESSUNA risposta da parte del comune di Vibo Valentia, tra l’altro comune interessato.

Solo giorno 27 aprile 2017 (44 giorni dopo) a seguito di un post su facebook di un nostro attivista nel quale viene “taggato” l’assessore all’ambiente del comune di Vibo Valentia, Antonio Schuticchio, lo stesso risponde, sempre tramite social, che si recherà sul posto e segnalerà la cosa alla Provincia.

A questo punto ci domandiamo se i nostri amministratori si occupino dei problemi solo quando questi “girano” sui social, ciò la direbbe lunga sulla politica seria che stanno svolgendo gli stessi, ma soprattutto, dobbiamo pensare che l’assessore non sia stato informato della nostra comunicazione tramite PEC da chi avrebbe dovuto farlo.

Sappiamo che facebook è un potente mezzo di comunicazione più che di “informazione”, ma crediamo che le segnalazioni da parte di cittadini, fatte con i dovuti mezzi e cioè rivolgendosi direttamente all’ente preposto, debbano ricevere comunque risposte in maniera altrettanto celere.

Pertanto, invitiamo i cittadini ad essere “vigili” e curanti del proprio territorio senza rassegnarsi al fatto che chi di competenza non li degni di risposta.

Distinti saluti

Attivisti Meetup “Vibonesi in Movimento – Amici di Beppe Grillo”

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

© 2018 Vibonesi in Movimento.